Il fenomeno social nel mondo Automotive: Come affrontarlo?

Incominciamo dai numeri per avere una idea del fenomeno social.

Se Ebay registra 100 milioni di utenti e Amazon 164 milioni di utenti, il fenomeno Facebook è arrivato addirittura alla incredibile cifra di 1 miliardo e 200 milioni di utenti.

Se parliamo di social dovremmo poi includere Twitter, Youtube, Flickr, Google plus, Myspace, Linkedin, Pinterest solo per citarne alcuni dei più noti.

Ma l’obiettivo di una azienda Dealer non può essere quello di interagire con tutti questi mondi anche perché dovrebbe avere uno stuolo di professionisti che si occupano solo di monitorare e aggiornare i profili e i contenuti. E non tutto serve per lo scopo principale: Vendere Automobili e soddisfare i clienti.

E’ opportuno fare una prima selezione poiché stiamo affrontando l’argomento dalle radici e quindi pensiamo che molti di quelli che ci leggono sono in fase di partenza e curiosi di capire come può un’azienda trarre utilità dall’uso dei social.

Partiamo quindi da Facebook per la diffusione ma anche perché costituisce il primo canale  social di riferimento .

Esistono sostanzialmente due strategie di approccio. La prima basata su annunci a pagamento diretti al sito Facebook  e sui plugin social nel sito. In questo caso Facebook diventa essenzialmente una sorgente di traffico targetizzato, il luogo dove rimbalza il prodotto o l’acquisto. La pagina Social di Facebook conta poco: contano i ponti (anche a pagamento) fra sito e social. Si tratta di investire nelle cosiddette ads che dovranno essere ben targetizzate, con il tracking delle conversioni inserito e con il remarketng attivo. E’ un uso di Facebook come canale di promozione commerciale. Non si entra nel social ma si usano le ads per promuovere la vendita realizzando una serie di pulsanti di richiamo al prodotto o al servizio indispensabili a monitorare il flusso di conversioni.

L’uso più consigliato di Facebook nel settore Automotive è anche quello di coinvolgere. Facebook, ma tutti i social, per essere sfruttati impongono lo studio di una linea editoriale.

Nel settore Automotive è importante comunicare con i potenziali clienti pubblicando molte news e interessanti novità. Una strategia attiva di comunicazione con chi è interessato a partecipare ad eventi e iniziative, vivere i nuovi prodotti e la community aziendale. In questo caso non basta aprire un canale Facebook bisogna essere presenti e alimentare il dialogo.

Il canale social di una Concessionaria è un importante mezzo di comunicazione e fidelizzazione del cliente. Apre un contatto più informale, coinvolgente e amichevole. Significa mantenere viva la passione verso il prodotto o il legame con l’azienda se è un cliente abituale ma anche se è occasionale ed è stato soddisfatto del nostro servizio. E’ superfluo ricordare che un cliente soddisfatto è uno dei veicoli di comunicazione più efficace. E’ uno spot permanente verso la nostra azienda.

Alimentare la comunicazione sui social significa inserire contenuti coinvolgenti e sfruttare un buon mix fra post di prodotto e editoriali con costanti richiamo al sito.

La comunicazione non deve essere invasiva ma persuasiva. Se un cliente scrive che ha un problema con il prodotto gli si dà alcuni consigli prima di invitarlo in officina. Il contatto social propone un livello di intimità diverso con il cliente che si sfoga, fa apprezzamenti o critiche, ma inserisce anche un contenuto personale nel rapporto che va colto. Con i cosiddetti “like” cerchiamo di capire gli interessi del cliente. Se è appassionato di sci ed è contento della sua auto a trazione integrale, gli si possono offrire degli accessori oppure, se la marca è attiva in quello sport, invitarlo a un evento specifico della Concessionaria.

Un altro elemento importante è la continuità della comunicazione. Non basta pubblicare ogni tanto un post solo per mantenere attivo il canale. E’ necessario monitorarlo e tenerlo  costantemente aggiornato.

Oltre a Facebook riteniamo sia molto importante il canale Google Plus che sta lentamente conquistando posizioni ed è utile per migliorare il posizionamento organico del proprio sito aziendale e quindi la visibilità sul web.

Facebook è i social sono canali indiretti di acquisizione contatti. Il sito internet deve essere la matrice principale su cui far convogliare i contenuti di interazione con i clienti. A maggior ragione l’impronta del sito aziendale deve essere fortemente commerciale con proposte e offerte, servizi e soluzioni per il cliente.

Facebook e Google Plus sono quindi due elementi irrinunciabili di una strategia Digital .